12/01/2015 19:56

Un diciassettenne di origine marocchina è morto oggi per una leucemia fulminante, pochi giorni dopo che i medici del pronto soccorso dell’ospedale ‘Lotti’ di Pontedera gli avevano diagnosticato un’otite.

Ora la famiglia attacca in sanitari, ma l’Asl 5 di Pisa replica che “il ragazzo è stato colpito da un evento imprevedibile la cui origine solamente l’autopsia potrà chiarire” e che i medici hanno “agito correttamente”.

Il calvario di Younes Fatmi, 17 anni, originario del Marocco ma residente a Cenaia, nel Pisano, è iniziato nei giorni scorsi: dopo una perdita di sangue da un orecchio la sorella, il 5 gennaio, l’ha accompagnato al pronto soccorso di Pontedera dove i medici lo hanno visitato e dimesso diagnosticando un’otite e prescrivendo una visita specialistica eseguita due giorni più tardi.

La visita ha confermato la precedente diagnosi.

Sabato scorso però il ragazzo ha accusato un altro malore e il 118 che lo ha trasferito d’urgenza all’ospedale di Cisanello a Pisa dove i medici gli hanno diagnosticato un’emorragia cerebrale provocata, secondo la famiglia della vittima, “da una leucemia fulminante che avrebbe potuto essere individuata e curata se a Pontedera lo avessero sottoposto agli esami del sangue”.  a.c.