16/09/2016 14:30

Promossa da Fondazione Grosseto Cultura con la co-organizzazione del Comune di Grosseto e con la partecipazione dei Comuni di Follonica e Magliano in Toscana, La Città Visibile 2016 si aprirà sabato 17 settembre alle 18 con l’inaugurazione al Cassero senese di Grosseto della tradizionale grande mostra partecipativa “Arti al femminile in Maremma”, disciplinata, come di consueto, da un bando pubblico. Alla collettiva si affiancano altre incursioni artistiche, sempre al Cassero senese: i lavori delle ragazze del Liceo Artistico di Grosseto sottolineano un panorama fresco e innovativo del pensiero artistico che nasce sui banchi di scuola per aspirare a contesti prestigiosi; Parlami di lei, a cura di Babila Bonacchi, ha come protagonista la vagina, senza retorica e con la giusta ironia. In mostra anche un progetto in progress, la Coperta delle donne – a cura di Alina Rizzi – opera corale nata e accresciuta nel tempo grazie ad una rete al femminile che ha fatto incontrare “artisticamente” donne di tutto il mondo. Infine, una sezione curata da Claudia Gennari e Marta Paolini, con protagoniste sette giovani artiste del territorio che propongono una lettura non convenzionale del tema al femminile; a loro si aggiunge Kerta von Kubin, scultrice francese, protagonista durante l’estate di una residenza d’artista in territorio maremmano. La mostra d’arte del Cassero, riservata alle “donne per nascita e per scelta”, costituirà soltanto il prologo di una lunga serie di iniziative che indagheranno il tema delle “arti al femminile”. Tra queste, la più celebre e attesa sarà la quarta edizione della Notte Visibile della Cultura (sabato 24 settembre), che riempirà di mostre ed eventi culturali il centro storico di Grosseto. In questa notte i musei saranno aperti e gli ingressi a tutte le iniziative culturali gratuiti.