18/01/2017 13:02

Via libera dal Tribunale di Firenze al concordato per la Braccialini, lo storico marchio fiorentino di pelletteria travolto dalle difficoltà finanziare e gestionali. Confermata Silvia Cecconi come commissario giudiziale che adesso avrà il compito di aprire le sei buste dei pretendenti che hanno risposto all’asta scaduta il 27 dicembre scorso. Oltre all’aretina Graziella Group (che aveva già presentato una proposta irrevocabile d’acquisto da 6 milioni di euro), si sono fatti avanti anche Cami Distribution e una cordata araba – e tre “nuove” aziende: Alinkas holding; Giglio Fashion e Le Sac. Le offerte riguardano in modo particolare il lotto 1 (con base d’asta 6 milioni) che comprende il ramo d’azienda (esclusi debiti e crediti) con i marchi Braccialini e Tua; i quattro negozi monomarca di Roma, Parigi, Milano e Firenze; e almeno 52 dipendenti sui 122 a tempo indeterminato rimasti in azienda. Ma altre offerte sembrano essere arrivate anche per i lotti 4 e 5 riferiti al magazzino dei marchi Braccialini e Tua.