17/07/2017 16:35

Nel 2016 gli studenti iscritti ai corsi di lingua italiana dell’Università per stranieri di Siena sono stati 8.196, “in linea con l’andamento degli ultimi anni”, e sono state organizzate 302 classi con allievi di 106 nazionalità tra le quali le più rappresentate sono state Cina, Argentina, Brasile, Giappone, Germania, Spagna, Turchia, Stati Uniti. Sempre nel 2016 l’Università ha organizzato corsi di italiano per varie istituzioni, scuole e atenei di Turchia, Usa, Argentina, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti, Israele e per i Toscani nel Mondo. Lo rende noto l’Ateneo che il 19 luglio inaugurerà i nuovi corsi di lingua e cultura italiana per stranieri. “Rispetto alle altre grandi nazioni europee, l’Italia stenta ad avere una politica linguistica coerente e coraggiosa, e investe poco nel sostegno alla lingua italiana nel mondo, benché si stiano cogliendo segni di maggiore sensibilità nelle istituzioni – osserva Pietro Cataldi, rettore dell’Università per Stranieri di Siena -; e invece la lingua è un veicolo decisivo di valori, di credibilità, perfino di successo economico. Le due Università per stranieri, quella di Perugia e quella di Siena, hanno innanzitutto questa funzione: sostenere l’italiano e la cultura italiana nel mondo. Lo facciamo con le nostre certificazioni all’estero e con i nostri laureati che insegnano italiano ovunque nel mondo; e lo facciamo in Italia”.