27/03/2018 08:26

La superficie complessiva dei boschi toscani conta 53.000 ettari in più negli ultimi 5 anni, anche per l’abbandono di alcune parti delle montagne. E’ quanto afferma il rapporto 2016 sullo stato delle foreste in Toscana, presentato oggi a Firenze.

“Vogliamo una gestione attiva, attenta, ben disciplinata – ha detto l’assessore regionale all’agricoltura e alle foreste, Marco Remaschi – nell’ambito di un patrimonio importantissimo qual è quello forestale, che può essere utile, e lo è, anche nell’ottica di una ulteriore valorizzazione turistica del territorio”.

Attualmente la superficie complessiva supera quota 1,2 milioni di ettari, pari al 53,4% del territorio toscano. I boschi toscani sono formati prevalentemente da piante di quercia, castagno e carpino (73%). Oltre l’80% è di proprietà privata.

Le operazioni colturali di taglio alimentano una filiera del legno che interessa 13.000 aziende e 40.000 addetti; ed è in fase di rafforzamento, secondo il rapporto, anche l’utilizzo del materiale per usi energetici.

I ricercatori hanno anche sottolineato l’importanza socio-economica della raccolta dei prodotti del sottobosco, in particolare di marroni e castagne, di funghi e tartufi.