27/12/2018 17:41

E’ stato raggiunto il traguardo delle 50 mila firme necessarie per la proposta di legge di iniziativa popolare nata per volontà del sindaco di Firenze Dario Nardella e della sua amministrazione e condivisa da molti sindaci nell’ambito di un lavoro di coordinamento dell’Anci, per introdurre un’ora alla settimana di educazione alla cittadinanza, come disciplina autonoma con propria valutazione, nei curricoli e nei piani di studio di ogni ordine e grado. L’iter fu avviato nella primavera scorsa e la raccolta di firme partì a luglio.

“Come sindaco – ha dichiarato Nardella – sento l’urgenza di avere cittadini sempre più consapevoli di vivere una comunità fatta di regole di civiltà condivise. Trovo necessario ripartire dalla scuola e dalle nuove generazioni per far conoscere temi semplici ma fondamentali: dall’educazione ambientale all’educazione civica, dal diritto italiano ed europeo alla Costituzione e alla legalità”.

“Siamo felici – ha sottolineato il sindaco – di aver raggiunto questo obiettivo. In tanti hanno firmato e ci hanno chiesto informazioni, segno che abbiamo toccato un argomento molto sentito e via via crescente: chi butta una cicca per terra, chi sporca, chi danneggia, chi ignora i fondamenti del nostro vivere civile deve essere educato e non semplicemente represso. Un grazie sentito a tutti ad Anci, ai sindaci e a tutti coloro che si sono impegnati senza soste per il raggiungimento di questo importante obiettivo”.