23/07/2019 14:41

Il titolare di un consorzio di gestione di centri di accoglienza per migranti nella provincia di Firenze è stato arrestato da guardia di finanza e carabinieri, in esecuzione di una misura di custodia cautelare, per un’inchiesta coordinata dalla procura fiorentina. Secondo quanto spiegato dai finanzieri in una nota l’imprenditore, posto ai domiciliari, avrebbe “evaso 3 milioni di euro nel periodo 2012-2017, attraverso l’emissione di fatture false per circa 17 milioni di euro”. Gdf e carabinieri hanno dato esecuzione anche a un provvedimento di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di denaro e beni fino alla concorrenza di circa 3 milioni di euro: in particolare si tratta di 3 case, tra cui una residenza estiva e diversi conti correnti “le cui disponibilità finanziarie sono in corso di accertamento”.