10/01/2020 13:44

Gli esperti dell’Università di Firenze che monitorano la collina parzialmente crollata a Montelupo il 14 dicembre 2019 hanno evidenziato “in occasione delle precipitazioni che si sono verificate nel frattempo, alcuni movimenti centimetrici della coltre superficiale del terreno al piede della zona del muro crollato. La zona risulta opportunamente confinata. I punti di controllo sulla parte superiore, invece, non evidenziano movimenti di rilievo”. Lo riporta il Comune in una nota in cui annuncia che oggi viene riaperto il passaggio pedonale di via Marconi dove si verificò l’improvviso crollo del muro in cemento armato a sostegno di una collina sulla cui cresta rimasero intatte alcune case. La strada, però, resta ancora chiusa al traffico dei veicoli.
Inoltre, l’area resta tuttora sotto sequestro perché ci sono in corso indagini della procura che ha aperto un fascicolo per crollo colposo, ancora senza indagati.
Gli evacuati, abitanti nelle case inagibili sulla cresta della collina rimasta in piedi, sono ancora ospiti di strutture ricettive e alloggi vari. Si tratta di una decina di persone.