20/02/2020 15:13

Ragnatele, sfere riflettenti e palloncini, oggetti con cui interagire, occuperanno le sale di Palazzo Strozzi a Firenze dal 22 febbraio al 19 luglio. Così una mostra site specific a Palazzo Strozzi di Firenze di Tomás Saraceno, uno dei più originali e visionari artisti contemporanei che vuole far riflettere sui temi ambientali e sulle barriere geografiche. La mostra, intitolata ‘Tomás Saraceno. Aria’, è la più ampia realizzata dall’artista in Italia. Saraceno propone opere immersive che invitano a cambiare punto di vista sulla realtà e a entrare in connessione con elementi come polvere, ragni e piante protagonisti delle installazioni. L’esposizione si snoda intorno alla serie delle Arachnomancy Cards (Carte da Aracnomanzia), 33 carte pensate dall’artista a cui si associano nove stanze del percorso espositivo che propone grandi installazioni che consentono di immergersi in ambienti evocativi. Nella prima sala i visitatori si trovano all’interno dell’installazione ‘Connectome’, composta da un insieme di sculture poliedriche sospese, modellate sulla forma delle bolle di sapone. Il percorso prosegue con ambienti in cui i visitatori sono chiamati a immergersi nei mondi sensoriali delle ragnatele; a riflettere sulla relazione tra diverse dimensioni, con la ragnatela che diviene immagine dell’Universo e a interagire con biosfere in vetro sospese contenenti delle piante. La mostra propone anche una lettura personale delle Carte da Aracnomanzia, la mappatura collettiva delle ragnatele incontrate nella vita quotidiana