25/05/2020 18:13

Anche la solidarietà, ai tempi del coronavirus, va in modalità “smart”. E lo fa anche grazie al contributo di 464 giovani dell’Istituto Comprensivo Raffaello di Pistoia, 95 dell’Istituto Santa Dorotea di Lucca, 300 dell’IC Ottone Rosai di Firenze, 202 dell’IC Marco Polo Viani di Viareggio, 57 dell’I.C. Rita Levi Montalcini di Pescia, 260 dell’Istituto Tongiorgi di Pisa. Gli allievi si sono riappropriati della più grande maratona benefica nella sua nuova (e temporanea) versione digital. Si tratta della “Corsa contro la Fame”, il progetto didattico-solidale più grande al mondo, giunto in Italia alla sua sesta edizione e patrocinato, per il 2021, dal CONI. Con uno slancio di generosità, gli studenti e i docenti della regione hanno, così, deciso di riaccendere i motori di questa grande macchina della solidarietà: nonostante la minaccia Covid-19 abbia messo a dura prova l’Italia, essi proseguono, “a distanza”, il progetto di Azione contro la fame, in linea con i piani ministeriali in tema di e-learning. In ogni classe, anche nella nuova veste “home”, l’organizzazione promuove un processo di sensibilizzazione che mira a favorire l’acquisizione di competenze da parte degli studenti. Gli operatori, infatti, tengono sessioni di sensibilizzazione attraverso attività didattiche interattive e di riflessione sulla fame nel mondo. I ragazzi, subito dopo, diventeranno parte attiva del progetto: potranno, infatti, scaricare un “passaporto solidale” con il quale coinvolgere familiari, vicini di casa e amici sulle tematiche affrontate, allo scopo di raccogliere una promessa di donazione per ogni attività sportiva effettuata tra le mura domestiche nella giornata indicata dalla scuola. Gli studenti, tanti più esercizi o esibizioni di ginnastica, yoga, zumba, psicomotricità faranno a casa, quanto più riusciranno a moltiplicare le promesse di donazione fatte dai propri affetti, che diventeranno nell’occasione dei veri e propri sponsor nella lotta alla fame e alla malnutrizione infantile nel mondo. Così il direttore generale di Azione contro la fame, Simone Garroni