17/07/2020 14:17

E’ avvenuto mentre era libero dal servizio, durante il tempo libero, il decesso di Emanuele Giuseppe Vetere, paracadutista di 31 anni del reparto incursori del Col Moschin di Livorno, ritrovato cadavere la notte scorsa da un commilitone vicino a Piombino, ai piedi di un traliccio di circa 60 metri di altezza da dove probabilmente il militare si era lanciato verso le 20.30 di ieri sera per effettuare un ‘base jumping’ con un paracadute specifico per questa tipologia di lanci. E’ quanto si apprende riguardo alla vicenda del ritrovamento del corpo nell’area di una ex centrale elettrica. Il perimetro è ora oggetto delle indagini dei carabinieri. Nell’area si sono già svolte delle perlustrazioni per individuare elementi utili agli accertamenti in corso. Il paracadutista risulta originario della Lombardia ma viveva a Livorno dove c’è la caserma del reggimento del Col Moschin.