14/01/2021 12:58

“La mafia si nutre di povertà. La pedagogia mafiosa crea dipendenza soprattutto tra i dimenticati”. E’ il titolo dell’iniziativa, in programma domani venerdì 15 gennaio alle 18 che trasmetteremo in streaming su Radio Toscana e che vedrà protagonista don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera. A moderare ci sarà il nostro don Andrea Bigalli, referente in Toscana per Libera.

L’incontro fa parte di una serie di appuntamenti promossi dalla Caritas di Firenze dedicati agli effetti che la pandemia sta avendo sui grandi temi di attualità con testimonianze di figure di rilievo nazionale.

“Caritas e Libera Toscana si trovano oggi a collaborare, ancora più che in passato, perché i temi della giustizia e della legalità si intrecciano in misura sempre crescente con quelli della povertà, della tutela dei diritti, dell’uguaglianza sociale”, dice Riccardo Bonechi, direttore Caritas diocesana Firenze. “Come Caritas – prosegue – siamo chiamati ad intercettare le situazioni di potenziale scivolamento nell’illegalità, ma anche a educare a una cittadinanza attiva bambini e ragazzi che incontriamo nei nostri percorsi scolastici e parrocchiali”.

“Le mafie crescono proprio nei contesti in cui alberga stabile la povertà, in tutte le sue accezioni – precisa don Andrea Bigalli – da quella della penuria dei beni essenziali a quella culturale, che consente ai poteri criminali di proporsi come soluzione ai problemi di marginalità. Per questo, oggi come mai, dobbiamo tenere alta l’attenzione sui pericoli di infiltrazione mafiosa soprattutto nei settori più colpiti dalla pandemia”.

“La mafia si nutre di povertà. La pedagogia mafiosa crea dipendenza soprattutto tra i dimenticati” nasce nell’ambito di una collaborazione tra Caritas, Libera Toscana e Unicoop Firenze.

La diretta streaming verrà trasmessa sul sito di Radio Toscana domani, venerdì 15 gennaio alle 18.

Open chat
Powered by