05/02/2021 15:57

“Sarà il centro sportivo più grande d’Italia”. Lo ha detto il presidente della Fiorentina Rocco Commisso durante la cerimonia della posa della prima pietra, anzi, del primo albero, nel nuovo Viola Park, il centro sportivo della Fiorentina che sorgerà a Bagno a Ripoli. I cantieri sono stati avviati ufficialmente oggi e la società viola stima di concludere i lavori entro diciotto mesi.

 

Durante la puntata di Artemio di oggi abbiamo commentato l’avvio dei lavori con il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, presente alla cerimonia:

“È una giornata storica, non ci fossero state le doverose restrizioni per il Covid avremmo aperto la cerimonia anche ai tifosi – ha detto Casini. Siamo orgogliosi di far parte di una nuova pagina della storia della Fiorentina, è il primo grande investimento della società. Sarà un progetto importante anche in termini di sostenibilità”.

“Diciotto mesi sono i tempi che la Acf si è data. Parlando calcisticamente, è come se fosse finito il “primo tempo” che abbiamo condotto come Comune e pubblica amministrazione per le autorizzazioni e le valutazioni. Un percorso rapido, quattordici mesi con le complicazioni dovute all’emergenza Covid. Adesso c’è il “secondo tempo” quello della realizzazione e questo spetta alla Fiorentina e alle ditte incaricate dei lavori. Sono fiducioso che si arrivi alla fine in diciotto mesi e sono sicuro che quando inaugureremo il centro sarà il momento più bello”.

 

“La burocrazia italiana è ormai uno sport nazionale, anche dovendo affrontare ricorsi e controricorsi. Abbiamo però fatto vedere che la pubblica amministrazione in questa regione è in grado di dare risposte a chi vuole investire, mantenendo una grande attenzione anche all’ambiente che per noi è fondamentale”.

 

“Stadio nuovo? Le istituzioni vogliono dare alla Fiorentina la possibilità di portare avanti il progetto di uno stadio all’altezza. Non spetta a me dire se sarà uno stadio nuovo o meno, nei prossimi mesi arriveranno novità e aggiustamenti perché la Fiorentina abbia uno stadio all’altezza”.

 

Casini infine ha fatto anche un commento sul calciomercato invernale dei viola, appena concluso: “Mi sarei aspettato anche io un “colpo” (ride)… ma va detto che è stato un calciomercato molto fermo. Se la Fiorentina avesse trovato il grande affare avrebbe fatto bene ad agire, ma non sarebbe servito fare acquisti tanto per farlo. La Fiorentina deve lavorare in prospettiva, così come sta facendo con il centro sportivo che sarà un luogo ambito per i campioni ma anche per i giovani calciatori”.

 

(Immagine tratta da acffiorentina.com)