15/02/2021 10:32

Dedicare una canzone od anche un semplice pensiero agli ospiti delle Rsa, regalando loro un’emozione in questa fase in cui le distanze sono obbligate ed i contatti praticamente assenti. E’ la nuova  iniziativa di Radio Toscana, nata grazie all’idea di Opi, Ordine Interprovinciale delle Professioni Infermieristiche Firenze-Pistoia. Cosa accade? I familiari delle persone ricoverate nelle Rsa delle province di Firenze e Pistoia possono dedicare loro un pensiero, una canzone, una carezza virtuale visto che in questi mesi i contatti e le visite sono stati limitatissimi se non addirittura inesistenti. Proprio in questi mesi il ruolo degli operatori sanitari nelle Rsa è diventato ancor più importante: non solo per le cure, non solo per le terapie, non solo per la parte professionale insomma ma anche e soprattutto come tramite affettivo. Infermieri ed operatori in alcuni casi sono stati, e lo sono tuttora, l’unico modo per restare in contatto con l’esterno, per avere uno sguardo d’affetto o una carezza vera e propria (con le dovute precauzioni).

In questa ottica nasce l’idea di Opi subito sposata da Radio Toscana: il lunedì ed il mercoledì alle 9.35 Alessandro Masti, l’anziano di Radio Toscana, insieme al compagno di Buone Notizie Mario Barchielli (con qualche incursione di quell’anziano dentro che è Leonardo Canestrelli) si trasformeranno in messaggeri e magari torneranno anche indietro di qualche anno ai programmi di Dediche&Richieste. Anche voi ascoltatori potete inviare il vostro messaggio: comunicatecelo via Whatsapp al 335.6063737 , indicandoci l’Rsa dove il familiare è ricoverato. Saremo poi noi a cercare il giusto contatto.

L’appuntamento di oggi, lunedì 14, ci ha portato…fuori dalla Rsa Uliveto perchè Gabriella ha voluto dedicare, lei, una meravigliosa canzone ai figli Vinicio e Franco. E poi siamo tornato nella Rsa Frate Sole per andare a trovare Andreina: