25/02/2021 13:03

Un gioco per cercare di sdrammatizzare ma anche per fare un po’ di educazione, soprattutto al rispetto: è questa l’idea alla base di Giocovid, un gioco da tavolo ispirato al virus, tra il monopoli e il gioco dell’oca. Un tabellone con il percorso a caselle tra coprifuoco e quarantene, tamponi, bonus e prescrizioni, che ha una meta agognata: il vaccino. Tra pedine, gettoni e dadi si procede lentamente o a scatti, con imprevisti e sorprese. Per sottolineare l’ironia su un problema molto serio è stato chiamato in soccorso lo spirito labronico, scrivendo le prescrizioni in vernacolo. E se partecipi ad un convegno complottista vieni contagiato!

L’idea, nata durante il lockdown, è del cecinese Marco D’Alessandro, 32enne titolare della birroteca Bibere di Montescudaio insieme alla compagna Camille Maes. La parte grafica invece è opera di Daisy Pacella. Il gioco, disponibile tra qualche settimana, sarà plastic free ed interamente prodotto in Italia in legno, cartone e carta ecologica. Così come in cotone naturale saranno i sacchetti per conservare i materiali.

Ai nostri microfoni per presentarci il gioco Marco e Daisy:

Open chat
Powered by