15/09/2014 15:18

I carabinieri di Empoli hanno arrestato un cinese di 20 anni con l’accusa di violenza sessuale ai danni di due coetanee connazionali da lui ‘agganciate’ mentre queste cercavano lavoro come bariste e che lo hanno fatto individuare grazie a un tatuaggio sul collo.

Gli episodi risalirebbero al 22 agosto e al 12 settembre ma i carabinieri avevano già individuato il giovane in occasione del primo abuso, chiedendo all’autorità giudiziaria il via libera ad un’idonea misura cautelare.

Poi il secondo caso, nel quale si è riscontrata ancora una volta la sua responsabilità penale, ha indotto i carabinieri a mettere il cinese in stato di fermo.