04/08/2021 15:28

Mancano ormai pochi giorni all’ingresso del vescovo eletto Giovanni nella Diocesi di Grosseto. Lunedì prossimo 9 agosto la diocesi accoglierà mons. Roncari, già vescovo di Pitigliano-Sovana-Orbetello che Papa Francesco ha voluto alla guida anche della diocesi di Grosseto unendo in persona Episcopi le due diocesi. In città fervono i preparativi per la giornata, per la solenne celebrazione in Cattedrale che alle 19 sarà presieduta dall’Arcivescovo di Siena Card. Paolo Lojudice. I posti all’interno saranno ridotti per le normative anticovid, ma i fedeli potranno seguire la celebrazione tramite il maxischermo posizionato in piazza dove saranno collocate 350 sedie. L’accesso a piazza Dante sarà possibile a partire dalle 17. Tv9 Telemaremma farà una diretta dalle ore 18 di lunedì 9 agosto sino alla fine della Messa di insediamento del Vescovo. Nel pomeriggio le tappe che il Vescovo eletto compirà prima di giungere in Cattedrale, saranno tre, ciascuna con un significato particolare: la visita a Roselle che fu sede vescovile, poi l’ospedale e il carcere.

L’organizzazione della giornata è stata presentata stamattina da S.E. il Vescovo Rodolfo Cetoloni, Amministratore Apostolico di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, Sindaco di Grosseto, don Paolo Gentili, Vicario generale della Diocesi di Grosseto, don Marco Gentile, cerimoniere vescovile e direttore dell’ufficio liturgico diocesano e Chiara Simonetti, coordinatrice dei volontari.

 

 

Gli orari e le tappe dell’ingresso in diocesi

L’accoglienza del vescovo Giovanni prenderà il via nel pomeriggio del 9 agosto, a partire dalle ore 16.00.

Le tappe che il Vescovo eletto compirà prima di giungere in Cattedrale, saranno tre, ciascuna con un significato particolare.

  • Ore 16.00 a Roselle

Mons. Roncari – accompagnato dall’amministratore apostolico, mons Cetoloni e dai vicari generali delle diocesi di Grosseto e di Pitigliano – alle 16.00 giungerà dinanzi alla chiesa di Roselle, dove sarà accolto da alcuni canonici e da una rappresentanza della comunità parrocchiale. Entrerà in chiesa e qui riceverà il saluto ufficiale di un parrocchiano e impartirà la benedizione sui presenti.

Questa tappa richiama la memoria dell’antica sede vescovile, quindi la radice su cui è poi germogliata la presenza cristiana in Maremma. Roselle fu sede vescovile, infatti, dal IV secolo d.C sino al 9 aprile 1138, quando Papa Innocenzo II ne dispose il trasferimento nel castrum di Grosseto, che da quel momento divenne civitas.

  • Ore 16.30 in ospedale

La seconda sosta sarà presso l’ospedale Misericordia. “Il desiderio del vescovo eletto – spiega don Gentili – è di poter salutare i bambini ricoverati, ma stiamo verificando con i vertici sanitari se questo sarà possibile”. Il Vescovo eletto e l’Amministratore apostolico saranno ricevuti all’ingresso dell’ala nuova del nosocomio. Qui, dopo i saluti con una rappresentanza della dirigenza e coi cappellani, mons. Roncari presiederà un breve momento di preghiera e, se possibile, compirà la visita ai bambini ricoverati in Pediatria, assieme al vescovo Rodolfo.

Questa seconda tappa ha un duplice significato. Richiama l’attenzione paterna del Vescovo verso coloro che soffrono, perché colpiti da malattia, richiamando – così – l’attenzione di tutti sul momento difficile che l’umanità tutta sta attraversando a causa della pandemia. L’altro significato è più personale: all’ospedale Misericordia padre Giovanni, giovane sacerdote cappuccino, ha iniziato a muovere i suoi primi passi nell’esercizio del suo ministero venendo a sostituire i confratelli che nel periodo estivo si assentavano per qualche tempo di riposo.

  • Ore 17.10 nella casa circondariale

La terza tappa sarà presso la casa circondariale di via Saffi. Una sosta molto importante, tesa a rimarcare la cura che la Chiesa vuol avere verso chi, pur avendo da riparare nei riguardi della Giustizia, è il primo destinatario della misericordia di Dio. Anche in questa sosta, il Vescovo eletto guiderà un breve momento di preghiera.

  • Ore 17.45 arrivo a Porta Corsica

Terminata la visita, il corteo di auto raggiungerà Porta Corsica. L’arrivo è previsto intorno alle 17.45.

Qui il vescovo Giovanni, assieme al vescovo Rodolfo e ai due vicari generali, scenderà dall’auto, saluterà i Canonici che lo attenderanno, insieme ad una rappresentanza di butteri a cavallo, e compirà a piedi il tragitto verso la cattedrale attraversando piazza Gioberti, via Manin e piazza Duomo, dove sarà accolto dalla Filarmonica Città di Grosseto.

 

 

  • Ore 18.00 il saluto con le autorità

Giunto sul sagrato della Cattedrale, il Vescovo eletto troverà ad attenderlo le autorità civili e militari. Riceverà brevi indirizzi di saluto ufficiali del Prefetto di Grosseto, del Sindaco del capoluogo e del Proposto del Capitolo della Cattedrale, ai quali risponderà anch’egli con un breve intervento.

  • Ingresso in cattedrale, bacio del crocifisso, preghiera al Santissimo

Concluso questo momento, il Vescovo eletto entrerà in cattedrale (ancora vuota), accolto dal Capitolo. Il Proposto, Mons. Franco Cencioni, presenterà a Mons. Roncari l’immagine del crocifisso, che egli bacerà in segno di venerazione, poi aspergerà con l’acqua benedetta i presenti. Accompagnato dai Canonici, infine, raggiungerà processionalmente la cappella del Santissimo Sacramento, dove sosterà per alcuni istanti in preghiera.

Si concluderà, così, la prima parte del pomeriggio-sera di festa. Il Vescovo eletto, assieme al Vescovo amministratore apostolico raggiungerà il Palazzo Vescovile per prepararsi per la Messa.

 

  • Ore 19.00 inizio della celebrazione per l’inizio del Ministero Pastorale

La solenne celebrazione avrà inizio alle ore 19.00 e sarà il cuore di tutta la giornata.

I Vescovi, indossati i paramenti, dall’Episcopio attraverseranno processionalmente il corso Carducci, mentre i sacerdoti concelebranti – che si saranno preparati nelle sale della cattedrale – usciranno dal palazzo del Capitolo (piazza Innocenzo II). I due cortei, all’altezza del Palazzo Municipale si uniranno ed entreranno in cattedrale.

La prima parte della Messa sarà presieduta dal Cardinale Augusto Paolo Lojudice, arcivescovo metropolita di Siena-Colle Val d’Elsa-Montalcino, il quale chiederà al cancelliere vescovile, don Jarek Migus, di mostrare e dare lettura pubblica della Bolla con la quale il Papa ha nominato mons. Roncari vescovo di Grosseto e disposto l’unione, in persona episcopi, della diocesi di Grosseto con la diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello. Dato l’annunzio, da parte del Metropolita, che il vescovo Giovanni da quel momento è pastore della Chiesa di Grosseto, questi salirà alla cattedra e vi si siederà. Sarà il segno tangibile e visibile di tutto il suo ministero.

La Messa proseguirà, poi, come di consueto.

 

Open chat
Powered by