06/08/2021 18:32

In sei regioni, ovvero Campania Lazio Sicilia Lombardia Puglia e proprio la Toscana, si concentra l’80% del fenomeno dei furti di moto e scooter (curiosità: i modelli più rubati sono Honda SH seguito da Liberty e Vespa). Questi dati emergono dal dossier sui furti di motoveicoli 2020, elaborato da LoJack.

 

Nella nostra regione i furti denunciati nel 2020 sono stati 1564 dei quali sono stati recuperati solo il 58%. Adesso che siamo in piena estate, c’è un modo per provare a complicare un po’ la vita ai ladri? Esiste qualche rimedio più affidabile di altri? Lo abbiamo chiesto a Gianni Innocenti, responsabile di Stavini, azienda fiorentina leader nella vendita di accessori moto che dagli anni ’40 accompagna con professionalità e competenza tutti gli appassionati delle due ruote.

 

Questi alcuni suggerimenti che ci ha dato per difendere scooter e moto dai furti, specialmente in estate quando vengono lasciati per un po’ di giorni in strada dai proprietari. Per prima cosa una bella catena cementata d’acciaio antitaglio da assicurare ad un palo per evitare che il mezzo venga sollevato e portato via con un furgone. Altro oggetto utile i classici lucchetti da posizionare al freno a disco nella parte anteriore. Meno consigliati i dispositivi di allarme elettronici, dato che il più delle volte i furti avvengono nel giro di pochi istanti e il rischio è quello di non intervenire in tempo. Quindi il consiglio per chi partirà per le ferie, ma anche per chi resta in città e vuole comunque dormire sonni tranquilli è quello di lasciare il proprio mezzo in un garage, se possibile, altrimenti munirsi di una catena cementata e parcheggiare in posti il meno isolati possibile.