19/09/2021 08:30

Rivoluzione per il trasporto pubblico locale che in Toscana sarà gestito da una sola società.

A Firenze Ataf annuncia che i suoi biglietti e abbonamenti non saranno più validi dal 1° novembre 2021, ma si potrà richiedere il rimborso.

Da quel giorno infatti il volante del trasporto pubblico locale in tutta la Toscana sarà in mano a un’unica società, Autolinee Toscane Spa, controllata dai francesi della Ratp che già fanno viaggiare i convogli del tram fiorentino.

In particolare da lunedì 1° novembre non saranno più validi questi titoli di viaggio:

biglietto singolo da 90 minuti Ataf e Li-nea

tessera carnet con 10 biglietti Ataf e Li-nea

abbonamento mensile cartaceo Ataf e Li-nea

Gli utenti che useranno i vecchi titoli di viaggio a novembre rischieranno una multa, visto che i mezzi saranno gestiti da una società diversa da Ataf. Chi ha un abbonamento trimestrale rilasciato prima del 31 ottobre 2021 potrà continuare a usarlo su bus e tramvia fino alla scadenza riportata sulla tessera, e anche l’abbonamento annuale resterà valido dopo il 1° novembre, ha chiarito Ataf. Non saranno rilasciati nuovi abbonamenti con inizio della validità dal 1° novembre in avanti.

Come chiedere il rimborso

A chi resteranno in tasca biglietti, carnet e abbonamenti inutilizzabili dal 1° novembre sarà riconosciuto un rimborso, ma ancora non si sa come presentare la domanda. Le modalità per fare richiesta “saranno divulgate dall’azienda tramite i consueti canali di comunicazione”, si legge sul sito di Ataf.

I titoli di viaggio Ataf non saranno più validi, in compenso la novità per i passeggeri sarà il debutto di un biglietto unico per l’intera Toscana: ticket, carnet, abbonamenti uguali in tutti i comuni, non più una giungla di tagliandi urbani ed extraurbani, diversi a seconda della zona.

Open chat
Powered by