Torna la sesta edizione della “Settimana della Bellezza 2021”, in programma a Grosseto sul tema “L’infinita bellezza…oltre la siepe”.

Si strutturerà in due tempi: il 30 e 31 ottobre con l’accoglienza del dipinto “Madonna col bambino tra i santi Pietro e Sebastiano”, replica del dipinto del Louvre attribuito alla bottega di Giovanni Bellini, e dal 3 al 7 novembre.

Organizzata dall’Ufficio per la pastorale culturale della diocesi di Grosseto e da quello della diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello e dalla Fondazione Crocevia con la co-organizzazione di Comune di Grosseto, l’iniziativa – informano i promotori – gode, inoltre, della collaborazione di altri uffici diocesani: in particolare, l’ufficio scuola-Irc; il servizio di pastorale giovanile; l’ufficio comunicazioni sociali.

La “Settimana” vede, poi, la collaborazione del quotidiano Avvenire con la sua rivista mensile “Luoghi dell’Infinito”, il cui ideatore e coordinatore è Giovanni Gazzaneo, che è anche presidente di Fondazione Crocevia; della Fondazione Polo Universitario Grossetano, della Fondazione Grosseto Cultura, in modo particolare attraverso il Polo espositivo Clarisse Arte, e del Maam-Museo archeologico e d’arte della Maremma.

Per poter svolgere in piena sicurezza ogni iniziativa, la Settimana, a Grosseto, si terrà fra la cattedrale, l’aula magna del polo universitario e il teatro degli Industri, mentre due giornate – il 5 e il 7 novembre – si terranno a Orbetello, nell’auditorium Giovanni Paolo II. Il tema di questa edizione – si legge in una nota – nasce da una domanda: “Cosa c’è dietro la siepe? E quali sono le ‘siepi’ che oggi ci impediscono o ci rendono difficoltoso scorgere l’infinito che c’è? Domanda alla quale si cercherà di rispondere attraverso i linguaggi della cultura e delle arti. La Chiesa prova a mettersi in dialogo con le persone, con ciò che abita nel loro cuore, con le loro speranze, angosce, gioie, fatiche”.

Tra i partecipanti della Settimana, il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, che domenica 31 ottobre terrà la sua lectio magistralis in cattedrale e poi presiederà l’Eucaristia (trasmessa in diretta su Tv9 a partire dalle 18). E poi il filosofo Bruno Mastroianni; l’attore, autore e regista Giovanni Scifoni, che sabato 6 novembre presenterà il suo primo libro “Senza offendere nessuno” (Industri, ore 17) e alle 21 offrirà il suo spettacolo “Anche i santi hanno i brufoli”.

Saranno della SdB 2021 anche il poeta Davide Rondoni; Gerardo Nicolosi, direttore del Dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali dell’Università di Siena e Chiara Palazzini, psicopedagogista e docente alla Lateranense. Non mancherà il linguaggio cinematografico, con la proiezione di “Volevo nascondermi”, film sulla vita del pittore Antonio Ligabue, con Alessio Brizzi che curerà il dibattito. Altra presenza molto attesa quella di suor Maria Gloria Riva, monaca dell’adorazione perpetua e storica dell’arte, già ospite di altre edizioni e che quest’anno aiuterà a guardare con occhi nuovi le mostre che impreziosiranno la SdB.

Abbiamo intervistato il direttore dell’ufficio pastorale culturale della Diocesi di Grosseto, don Roberto Nelli e il direttore del Polo culturale Le Clarisse, Mauro Papa: