30/12/2021 16:20

E’ tornato libero Rassoul Bissoultanov, il ceceno che era detenuto in Italia per l’omicidio di Niccolò Ciatti, il 22enne di Scandicci (Firenze) pestato a morte l’11 agosto del 2017 mentre si trovava con gli amici sulla pista da ballo di una discoteca di Lloret de Mar in Spagna. Il 22 dicembre scorso la corte di assise di Roma, accogliendo un’istanza dei difensori, ha revocato la misura della custodia cautelare in carcere a cui era sottoposto in attesa del processo, fissato per il 18 gennaio prossimo. L’arresto è stato ritenuto illegittimo per difetto di procedura. Secondo quanto precisato nel provvedimento di revoca, la misura cautelare non poteva essere emessa perché il ceceno non si trovava in Italia nel novembre del 2020, al momento dell’emissione dell’ordinanza che disponeva il carcere nei sui confronti. E così Bissoultanov, è tornato libero. Improbabile, a distanza di una settimana della sua liberazione, che si trovi ancora in Italia, paese dove rischia una condanna all’ergastolo per omicidio volontario. La famiglia Ciatti, avvisata della liberazione ieri dal proprio avvocato, ha reagito con incredulità e dolore. Il padre di Niccolò, Luigi Ciatti, oggi è stato ospite di Radio Toscana:

Open chat
Powered by