È stato condannato a 7 anni per lesioni personali ma non per tentato omicidio Daniele Sodi, 48enne pisano che il 17 marzo scorso aggredì nei pressi dell’ospedale Santa Chiara di Pisa la moglie che aveva avviato le pratiche di separazione, colpendola con un taglierino alla gola.

Il pm Giancarlo Dominijanni aveva chiesto una condanna a 18 anni di carcere, ma i giudici non hanno condiviso la tesi accusatoria secondo la quale Sodi tentò di uccidere la donna: l’uomo è stato comunque riconosciuto colpevole dell’aggressione sfociata in un lieve ferimento.