Concordia: la nave va a Genova

Parte il conto alla rovescia per l’ultimo viaggio della nave. Se non interverranno intoppi tecnici, attorno alla metà di luglio la nave partirà per la Liguria. I 350 tecnici e ingegneri della Titan Micoperi impegnati al Giglio hanno ormai installato 28 dei 30 cassoni che dovranno consentire alla nave di tornare a galleggiare.  Operazione che verrà completata nei prossimi 10 giorni per arrivare, attorno al 13 luglio, alla prima fase dell’ultimo viaggio della Concordia, quella del rigalleggiamento.

Una fase che dovrà però essere preceduta della autorizzazioni dell’Osservatorio per il monitoraggio ambientale sulla base della documentazione fornita da Costa: senza quelle, infatti, la nave non si muove dal Giglio.

L’intera fase di rigalleggiamento durerà tra i 4 e i 5 giorni dunque è probabile che attorno al 18-20 luglio la Concordia sia pronta a lasciare per sempre il Giglio.

Condizioni meteo permettendo, vale a dire 5 giorni di mare con onde inferiori a 2 metri e vento sotto i 15 nodi, il relitto impiegherà 4 giorni per raggiungere Genova, trainato da due rimorchiatori oceanici. Lì verrà smontato pezzo a pezzo: e tutti si augurano che restituisca almeno l’ultimo corpo che manca ancora all’appello, la 32esima vittima di quella notte maledetta.